Accedi al tuo account

Se sei già registrato accedi al tuo account con le tue credenziali.

Registrati

Creare un account è semplicissimo. Grazie al tuo account potrai monitorare la consegna dei tuoi acquisti, gestire i tuoi dati personali, beneficiare di offerte esclusive e molto altro.

Crea il tuo account
close

risultati ricerca

close
Il carrello è vuoto

Impagliatura

 

 

Impagliatura di Vienna delicata ed elegante

L’impagliatura delle sedie è un’arte antica che emana ancor oggi suggestione e fascino. La bellezza romantica di una sedia impagliata dona a qualsiasi tipo di arredamento un tocco di calore, evocando atmosfere d’altri tempi e conferendo alla stanza un aspetto più accogliente. Le sedute impagliate si distinguono per tipologia di materiale e metodologia d’intreccio: diverse, infatti, sono le tecniche usate per ottenere particolari effetti estetici o per conferire al prodotto una maggiore robustezza e resistenza.

Uno dei metodi più classici è rappresentato dalla cosiddetta impagliatura a spicchi: tipica delle campagne romagnole, viene eseguita con l’utilizzo di materie prime di origine naturale, come corda di carta, cordoncino cinese, paglia di fiume, foglie di mais o erbe palustri. Detto anche “intreccio a busta”, il metodo consente di realizzare un caratteristico motivo quadripartito che rende la seduta confortevole ed assicura al manufatto una lunga durata. Questo tipo di intreccio, tradizionalmente eseguito a mano, non richiede un lavoro particolarmente complesso, ed è adatto soprattutto ad una sedia in stile rustico.

Un altra metodologia molto diffusa è limpagliatura a scacchi: caratterizzata da una lavorazione più laboriosa e complicata, permette di ottenere una trama più solida e robusta. L’impagliatura a scacchi viene solitamente realizzata con un cordoncino in carta o con una corda in materiale naturale: l’intreccio della seduta crea un gradevole effetto quadrettato garantendo al tempo stesso fermezza e stabilità. Più elegante rispetto alla prima tipologia di intreccio, l’impagliatura a scacchi si abbina bene a tutti gli stili, dal più classico al più moderno, ed è consigliata anche per una sedia antica in fase di restauro.

Se però si desidera ottenere una struttura più delicata e raffinata esiste una terza metodologia chiamata impagliatura di Vienna: questa tecnica richiede una lavorazione notevolmente più complicata e consente di produrre manufatti pregevoli, apprezzati in tutto il mondo per la loro squisita finezza artistica. Prodotta con finissima paglia di Vienna, questa impagliatura riproduce un raffinato motivo di fori ottagonali ed è solitamente destinata alla mobilia più pregiata; per la sua eleganza trova applicazione anche nella produzione di rifiniture per separeè, piani d’appoggio per tavolini, sedute per divanetti e schienali per sedie a dondolo. Il massimo esponente di questa metodica è stato, agli inizi dell’Ottocento, il disegnatore di mobili austriaco Michael Thonet. Con il tempo, alla tecnica artigianale di Thonet si è affiancato un ulteriore metodo di lavorazione, oggi utilizzato per il rifacimento delle sedie moderne: con questo metodo, l’impagliatura di Vienna viene realizzata usando paglia preconfezionata, da fissare e rifinire con l’ausilio del midollino. Questa versione è sicuramente meno dispendiosa rispetto alla tradizionale tecnica manuale, ma ha il vantaggio di conferire a qualsiasi sedia un aspetto classico ed elegante.

La procedura originale, invece, può essere ancor oggi eseguita artigianalmente in tutte le sue fasi: la tipica trama “bucherellata” viene intessuta a mano direttamente sulla seduta da impagliare ed intrecciata pazientemente filo per filo. Prima della lavorazione, la paglia viene trattata con acqua calda affinchè diventi più duttile e maneggevole. Questa particolare fibra è ricavata dal giunco ed è ridotta in sottili listerelle caratterizzate da un’elevata resistenza. La sua superficie liscia si presta a moltissimi tipi di lavorazione e permette di ottenere una tessitura molto fine.

Nonostante l’aspetto fragile e delicato, le sedute realizzate con l’impagliatura di Vienna presentano una trama piatta e resistente, resa ancor più liscia da uno speciale trattamento finale con acqua. Affinchè una tecnica così elaborata possa garantire i migliori risultati, soprattutto su un mobile antico e di valore, è fondamentale che venga eseguita da esperti professionisti del settore, in grado di assicurare una lavorazione impeccabile e di altissimo livello. E’ quindi sempre consigliabile rivolgersi ad un laboratorio di restauro per la riparazione di eventuali danni o la sostituzione di una vecchia intelaiatura, soprattutto nel caso di una seduta in paglia di Vienna. Noi di Fiore Antichità abbiamo la competenza giusta per scegliere i materiali di migliore qualità e per riportare un antico manufatto pregiato al suo splendore originario: il nostro mestiere unisce abilità tecnica e spiccato senso estetico, oltre ovviamente alla passione.

Paglia di Vienna intrecciata a mano
Si effettua la lavorazione della Paglia di Vienna intrecciata a mano utilizzando giunco di varie dimensioni intrecciando i fili uno ad uno.

Paglia di Vienna prefabbricata
Sulle sedie più moderne si esegue la lavorazione della Paglia di Vienna prefabbricata, con il vantaggio di bassi costi ed elevata resistenza e durata.

A scacchi
Viene eseguita la lavorazione quadrettata
(Detta anche a scacchi).
Sia sulle sedie antiche quanto su sedie moderne.

A Busta o al Centro
Si esegue la lavorazione dell’impagliatura a busta utilizzando sia erba palustre che altri tipi di cellulosa con varie tonalità di colore.

A Macchina
Da diversi anni ormai eseguiamo anche la lavorazione a macchina, si esegue la lavorazione dell’impagliatura al centro utilizzando diversi tipi di cellulosa con varie tonalità di colore.

Di seguito le paglie da utilizzare per le lavorazioni a macchina.